Storico delle Religioni e Geopolitico

Diario

12060
0

STORIA DELLE RELIGIONI

12 aprile 2017: Conferenza “Il Buddhismo: forma storica dell’ateismo asiatico ?” a Padova

ateinassi

2 novembre 2016: Conferenza “Geopolitica dell’Europa dalle origini ad oggi” a Castelfranco Veneto

Anche stasera, tanta gente al secondo appuntamento del Corso di introduzione alla Geopolitica dell’Europa, tenuto dal Prof. Alessandro Grossato per Porte Aperte, ospitato nella Libreria Ubik  di Castelfranco Veneto.

21 settembre 2016 : Conferenza “La Turchia dentro o fuori dalla Nato?” a Padova

 

erd

Circolo Unificato dell’Esercito

Primo appuntamento con la geopolitica della stagione 2016-2017. 

Palazzo Zacco, Salone di Rappresentanza Prato della Valle, 82 | Padova

http://www.palazzozacco.it

https://www.facebook.com/palazzo.zacco

20 luglio 2016 : Intervista a cura di Daniel Mosseri su IL FOGLIO

intervistafoglio

Così la confraternita islamica, cui appartiene anche Erdogan, ha lavorato ai fianchi la laicità turca

 Alessandro Grossato, orientalista della Facoltà Teologica del Triveneto, già nel 2010 sulla Rivista di Politica aveva messo in luce l’importanza della confraternita Naqshbandiyya negli sviluppi politici e geopolitici in corso nella Turchia contemporanea. 

 

8 aprile 2016 : Relazione “Influenze indiane su alcuni aspetti della cultura occidentale, dall’Antichità al Medioevo”

INCONTRO

con Alessandro Grossato (Facoltà Teologica del Triveneto)
Venerdì 8 Aprile 2016, h. 12.00

incon

Sede dei Seminari: Aula V, primo piano,
Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Moderne – LILEC,
Via Cartoleria n. 5 – Università di Bologna

I Seminari sono aperti a tutti, studenti, docenti, interessati
Per info: andrea.fasso@unibo.it; francesco.benozzo@unibo.it; carlo.saccone@unibo.it

10 febbraio 2016 : Conferenza “Il Mondo di Putin” a Padova

 

put   Circolo Unificato dell’Esercito

Palazzo Zacco, Salone di Rappresentanza

Prato della Valle, 82 | Padova

http://www.palazzozacco.it

https://www.facebook.com/palazzo.zacco

5 novembre 2014 : Relazione “Dalla geografia sacra alla geopolitica delle religioni” all’Università La Sapienza a Roma

   perno

   Nel 1904 il geografo britannico Halford John Mackinder pronunciava presso la sede della Royal Geographical Society la dissertazione intitolata “Il perno geografico della storia”. Quest’articolo ha segnato un’epoca nell’ambito della geografia politica e dello studio delle relazioni internazionali, perché da molti indicato come il primo e più importante documento prodotto da una nuova disciplina, la geopolitica. In tale scritto, Mackinder individuava nel cuore del continente euro-asiatico, in seguito denominato “Heartland“, il pivot terrestre, imprendibile da qualsiasi potenza marittima, attorno cui da secoli ruotava la storia del mondo.

   Il convegno, organizzato da IsAG, Cattedra di Storia dell’Europa Orientale del Dipartimento di Scienze Politiche della Sapienza e Master in Geopolitica e Sicurezza Globale Sapienza-IsAG, oltre a ricordare quest’importante scritto, i suoi contenuti e l’influenza avuta sugli studi successivi, ha mirato anche a descrivere il contesto in cui maturò, con particolare attenzione per gli allora difficili rapporti tra i due imperi britannico e russo.

   Sono intervenuti come relatori Eugenio Di Rienzo (Professore ordinario di Storia moderna all’Università Sapienza), Alessandro Grossato (Docente alla Facoltà Teologica del Triveneto), Matteo Marconi (Direttore del programma “Teoria geopolitica” dell’IsAG, dottorando di ricerca all’Università di Sassari, dottore di ricerca all’Università Federico II di Napoli), Daniele Scalea (Direttore Generale dell’IsAG e biografo di Mackinder) e Roberto Valle (Professore associato di Storia dell’Europa Orientale all’Università di Sassari).

“Il Prof. Alessandro Grossato (docente alla Facoltà Teologica del Triveneto) ha fornito una lettura della geopolitica di MacKinder in chiave religiosa. Egli, infatti, sostiene che, probabilmente, le rappresentazioni del Pivot of History e dello Heartland di Mackinder riprendono alcune descrizioni mitiche e rappresentazioni simboliche delle religioni dell’Asia centro-orientale e meridionale che circolavano ampiamente negli ambienti fabiani di cui l’autore era frequentatore. Ne è un esempio la rappresentazione dell’Eurasia nella cosmologia indù e buddhista, come un’unica isola-continente ruotante attorno all’asse immobile della montagna cosmica ma anche il cosiddetto «martello mongolo», un’altra espressione geopolitica coniata da Mackinder, che, a sua volta, echeggia talune concezioni escatologiche e apocalittiche medievali, non solo cristiane.” (Dal resoconto di Maria Moresi, “Geopolitica e Mackinder in Sapienza: 110 anni dopo «Il perno geografico della storia»“)

IsAG: http://www.isag-italia.org/tag/alessandro-grossato